Giuseppe Pagano



Sono entrato, tempo fa, in un manicomio abbandonato. 

Un luogo di reperti e sembianze.

In quel silenzio ho sentito convergere le domande ultime. 
Gli sguardi dei ricoverati mi hanno interrogato,  in bilico tra un abisso di inconosciuti dolori e un oltre infinito.
1 / 42 ‹   › ‹  1 / 42  › pause play enlarge slideshow



Sono entrato, tempo fa, in un manicomio abbandonato.

Un luogo di reperti e sembianze.

In quel silenzio ho sentito convergere le domande ultime.
Gli sguardi dei ricoverati mi hanno interrogato, in bilico tra un abisso di inconosciuti dolori e un oltre infinito.
Deus Absconditus
2 / 42 ‹   › ‹  2 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
3 / 42 ‹   › ‹  3 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
4 / 42 ‹   › ‹  4 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
5 / 42 ‹   › ‹  5 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
6 / 42 ‹   › ‹  6 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
7 / 42 ‹   › ‹  7 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
8 / 42 ‹   › ‹  8 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
9 / 42 ‹   › ‹  9 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
10 / 42 ‹   › ‹  10 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
11 / 42 ‹   › ‹  11 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
12 / 42 ‹   › ‹  12 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
13 / 42 ‹   › ‹  13 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
14 / 42 ‹   › ‹  14 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
15 / 42 ‹   › ‹  15 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
16 / 42 ‹   › ‹  16 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
17 / 42 ‹   › ‹  17 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
18 / 42 ‹   › ‹  18 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
19 / 42 ‹   › ‹  19 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
20 / 42 ‹   › ‹  20 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
21 / 42 ‹   › ‹  21 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
22 / 42 ‹   › ‹  22 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
23 / 42 ‹   › ‹  23 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
24 / 42 ‹   › ‹  24 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
25 / 42 ‹   › ‹  25 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
26 / 42 ‹   › ‹  26 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
27 / 42 ‹   › ‹  27 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
28 / 42 ‹   › ‹  28 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
29 / 42 ‹   › ‹  29 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
30 / 42 ‹   › ‹  30 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
31 / 42 ‹   › ‹  31 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
32 / 42 ‹   › ‹  32 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
33 / 42 ‹   › ‹  33 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
34 / 42 ‹   › ‹  34 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
35 / 42 ‹   › ‹  35 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
36 / 42 ‹   › ‹  36 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
37 / 42 ‹   › ‹  37 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
38 / 42 ‹   › ‹  38 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
39 / 42 ‹   › ‹  39 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
40 / 42 ‹   › ‹  40 / 42  › pause play enlarge slideshow
Deus Absconditus
41 / 42 ‹   › ‹  41 / 42  › pause play enlarge slideshow


Questi muri ammuffiti sono come un caleidoscopio in continua, lenta rotazione.
Appaiono e scompaiono immagini che sembrano ricordare ciò che è stato.
Aleggiano ovunque presenze impalpabili.

Ogni giorno un frammento va perso.
Su una parete qualcuno ha scritto: "il tempo porta via ogni cosa".

Più tempi scorrono a velocità diverse: quello del manicomio, quello dell'umanità e il mio.
A volte li percepisco intrecciati, nella loro interezza, in una dimensione dove migliaia di anni  e una stagione sono destinati ad annullarsi, a chiudersi in un soffio di senso.
Negli sguardi ritrovati filtra una luce antica, brillata la prima volta che l'uomo si è interrogato sul suo dolore.
Una luce che percorre tutta la storia e si è posata su queste radiografie.
42 / 42 ‹   › ‹  42 / 42  › pause play enlarge slideshow


Questi muri ammuffiti sono come un caleidoscopio in continua, lenta rotazione.
Appaiono e scompaiono immagini che sembrano ricordare ciò che è stato.
Aleggiano ovunque presenze impalpabili.

Ogni giorno un frammento va perso.
Su una parete qualcuno ha scritto: "il tempo porta via ogni cosa".

Più tempi scorrono a velocità diverse: quello del manicomio, quello dell'umanità e il mio.
A volte li percepisco intrecciati, nella loro interezza, in una dimensione dove migliaia di anni e una stagione sono destinati ad annullarsi, a chiudersi in un soffio di senso.
Negli sguardi ritrovati filtra una luce antica, brillata la prima volta che l'uomo si è interrogato sul suo dolore.
Una luce che percorre tutta la storia e si è posata su queste radiografie.

Deus Absconditus

ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.giuseppepagano.net/deus_absconditus-g5129

Share link on
Chiudi / Close
loading