1 / 5 prev / next pause play enlarge slideshow


Queste persone non sono mai esistite.
Ho collimato decine e decine di sguardi diversi sovrapponendo le immagini ultime, quelle di chi non c'è più, scelte per l' ultimo ricordo.
Un'azione calibrata, sul crinale fra creazione e rivelazione. E alla fine è emersa una luce comune.
Questi sguardi puntano lontano, parlano un linguaggio a noi ancora sconosciuto, che solo la loro sintesi ci permette di scorgere.
Vi si leggono schegge di una consapevolezza: forse ancora nebulosa, forse incompiuta, ma sottilmente avvertibile. Qualcosa di definitivo si prospetta, la ricerca di senso sta per placarsi.
Questa nuova saggezza investe anche la caducità del vissuto, delle fatiche di un' intera esistenza. Tutto appare passato, su uno sfondo lontano.
Sono gli sguardi di chi varca la soglia, recano ancora tracce delle vite trascorse ma già intravedono l'oltre, e - misteriosamente - ce ne rendono partecipi.
2 / 5 prev / next pause play enlarge slideshow
3 / 5 prev / next pause play enlarge slideshow
4 / 5 prev / next pause play enlarge slideshow
5 / 5 prev / next pause play enlarge slideshow

soglie

loading