1 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow



Entrato in un piccolo cimitero di montagna per esaminare i muri rovinati, alla ricerca di suggestioni che inseguivo da tempo, lo sguardo è caduto su una tomba dove mani ignote avevano depositato tanti sassolini. Sulla lapide il nome: Alberto Giacometti.

Ero a Borgonovo, nel mio peregrinare non mi ero accorto di sfiorare il luogo dove era nato e sepolto uno dei più grandi artisti del Novecento; i sassolini erano il rispettoso e semplice omaggio di tanti visitatori. Sassi su una tomba, e per di più di uno scultore.
Che strano effetto produceva quel gesto tradizionale in un luogo dove tutto è pietra, modellata dall'uomo o dalla natura: i ponti, il greto del fiume, le rive, le case, gli enormi massi nel bosco. Pietra ovunque, quasi in lotta con la vegetazione per la conquista dello spazio vitale.

Nel cinquantesimo della morte eccomi di nuovo nei luoghi della giovinezza di Giacometti, dove - già famoso - tornava comunque spesso.
Ho camminato lentamente fra quelle poche case, concedendomi un ampio ventaglio di possibilità. Ero curioso di cogliere accadimenti visuali, tracce che potessero ricordare il carattere e le opere dell'artista; elementi su cui potesse aver posato lo sguardo, traendone - chissà - ispirazione; forme naturali che avessero misteriosamente subito l'influsso di una presenza così geniale, come se il suo sentire aleggiasse lì da allora.

Nel silenzio sono emerse esili presenze, tagli geometrici, materia lavorata, sovrapposizioni di segni: rimandi espliciti o velate allusioni. Un gioco di sponde, la sensazione di cogliere qualche frammento di una misteriosa alchimia, di tensioni converse - un tempo lontano - in un eccezionale percorso creativo.

In quella valle, dove la severa bellezza del paesaggio montano e il rigore nord alpino incontrano la dolcezza del sud, dove Giacometti osservava a lungo i più piccoli e per altri irrilevanti dettagli, qualcosa trapela ma subito scompare, ci ricorda stagioni di vita e di arte ormai passate e opere che invece rimarranno.

Tutte le fotografie di questa serie sono state scattate a Coltura, Stampa e Borgonovo.
2 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
3 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
4 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
5 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
6 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
7 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
8 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
9 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
10 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
11 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
12 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
13 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
14 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
15 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
16 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
17 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
18 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
19 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
20 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
21 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
22 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
23 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
24 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
25 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
26 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
27 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
28 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
29 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
30 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
31 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
32 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
33 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow
34 / 34 prev / next pause play enlarge slideshow

Giacometti

loading